Topic: se volete capire perché siamo quello che siamo  (Letto 110 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline RicPol

  • python sapiens sapiens
  • ******
  • Post: 2.859
  • Punti reputazione: 9
    • Mostra profilo
se volete capire perché siamo quello che siamo
« il: Luglio 05, 2018, 22:27 »
https://computer-literacy-project.pilots.bbcconnectedstudio.co.uk/

"nel 1980 la BBC esplorava il mondo dei computer con il programma The Computer Literacy Project. Si fecero costruire un home computer (il BBC Micro) e insegnavano la programmazione ai telespettatori"

Nel 1980.

Ripeto, nel 1980. La tv publica inglese faceva questo tipo di servizio pubblico.
Capite che poi, quando si dice il divario tecnologico...

Offline Legs

  • python unicellularis
  • *
  • Post: 34
  • Punti reputazione: 0
    • Mostra profilo
Re:se volete capire perché siamo quello che siamo
« Risposta #1 il: Luglio 06, 2018, 13:03 »
Bellissima. Io me la sono vista tutta su Youtube.
Se non ricordo male dedicavano un spazio fisso (o forse occasionalmente) alle soluzioni che le persone trovavano ai loro problemi.
Mi ricordo chiaramente di una puntata dove un fotografo inglese (nel senso di Gran Bretagna) armato di un Apple II e stampante si era scritto un suo programma in basic che lo aiutava a gestire l'archivio dei clienti e delle fotografie (le foto rimanevano nei cassetti, non venivano messe nel computer).
Comunque in trasmissione usavano, ovviamente, il BBC micro. Ammetto che per i tempi era veramente una bella macchina. La conoscevo solo di vista ma non l'avevo mai vista usare e devo dire che mi ha colpito.
Comunque mi ricordo che in Italia c'era una trasmissione di De Crescenzo che illustrava soprattutto il Macintosh (forse eravamo nel 1985). Niente di eclatante ma comunque interessante.

Offline Markon

  • python sapiens sapiens
  • *
  • moderatore
  • Post: 4.104
  • Punti reputazione: 5
    • Mostra profilo
    • Neolithic
Re:se volete capire perché siamo quello che siamo
« Risposta #2 il: Luglio 06, 2018, 16:16 »
Un paio di giorni fa ho letto un'intervista a Piero Angela molto interessante.

> «La cultura che abbiamo in particolare in Italia andava bene in un mondo contadino perché le cose non cambiavano e ognuno accettava il suo ruolo. I cambiamenti o non esistevano o erano lentissimi e la cultura era il giardino dei piaceri: la pittura, la poesia, l’arte, la lettura. Purtroppo è su questi argomenti che oggi spendono i soldi pubblici gli assessori. Sono argomenti ancora importanti, certo, ma purtroppo questa vecchia cultura letteraria non è più in grado di reggere il suo tempo e di interpretare la modernità. Oggi per essere dei saggi bisogna sapere raccontare l’innovazione tecnologica e anche l’economia. Perché questo sistema tecnologico è intimamente legato all’economia».

"tanto noi abbiamo c'abbiamo a Dante"