Topic: come imparare le librerie di python senza studiare  (Letto 458 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline sibelius

  • python unicellularis
  • *
  • Post: 26
  • Punti reputazione: 0
  • Gutta cavat lapidem
    • Mostra profilo
    • mangiando ciambelle
come imparare le librerie di python senza studiare
« il: Febbraio 27, 2020, 08:32 »
Salve a tutti.
Qualcuno sa segnalarmi un post o un link che aprendolo mi rende capace di programmare in python?
Grazie dell'aiuto.
ciao

Offline nuzzopippo

  • python neanderthalensis
  • ****
  • Post: 351
  • Punti reputazione: 0
    • Mostra profilo
Re:come imparare le librerie di python senza studiare
« Risposta #1 il: Febbraio 27, 2020, 09:30 »
Imparare python? ... forse partirei da qui, condendolo con sedia, tastiera, accessori vari e (molto) olio di gomito

Senza studiare?  :D ... già studiando (e parecchio) se non Ti impegni non vai lontano, mai visto niente che si impara "per osmosi", in particolar modo programmare.

Offline sibelius

  • python unicellularis
  • *
  • Post: 26
  • Punti reputazione: 0
  • Gutta cavat lapidem
    • Mostra profilo
    • mangiando ciambelle
Re:come imparare le librerie di python senza studiare
« Risposta #2 il: Febbraio 27, 2020, 09:35 »
Si sto leggendo .
Ma siccome non sono pratico di python pensavo che qualche programmatore molto avanzato avesse creato qualche codice eseguibile in un link per l'auto apprendimento, ma se mi confermate che non e' cosi' allora studio.
Grazie
ciao

Offline nuzzopippo

  • python neanderthalensis
  • ****
  • Post: 351
  • Punti reputazione: 0
    • Mostra profilo
Re:come imparare le librerie di python senza studiare
« Risposta #3 il: Febbraio 27, 2020, 10:51 »
Ma siccome non sono pratico di python pensavo che qualche programmatore molto avanzato avesse creato qualche codice eseguibile in un link per l'auto apprendimento, ma se mi confermate che non e' cosi' allora studio.

Non credo di aver capito cosa intendi con "codice eseguibile" ed "auto apprendimento" ma studiarsi il codice scritto da altri programmatori è certamente utile ma quale corollario integrativo allo "studio" della docs, se non proprio delle tecniche in genere utilizzabili a prescindere dal linguaggio.
Questa è una attività che faccio spessissimo, cercando di capire, dal codice visto, cosa andarmi a guardare e la logica applicata e, se proprio non mi riesce, magari cercando di imitarlo.

Ci sono, poi, delle guide in giro, una ben organizzata, se usi windows, la trovi alla firma di @RicPol, può esserTi utile.

Offline Cristian Nori

  • python unicellularis
  • *
  • Post: 6
  • Punti reputazione: 0
    • Mostra profilo
Re:come imparare le librerie di python senza studiare
« Risposta #4 il: Febbraio 27, 2020, 10:58 »
Ho trovato questo video di NiktorTheNat molto utile e chiaro per il primo approccio a Python:
https://youtu.be/T_I0OiyciFk

Offline sibelius

  • python unicellularis
  • *
  • Post: 26
  • Punti reputazione: 0
  • Gutta cavat lapidem
    • Mostra profilo
    • mangiando ciambelle
Re:come imparare le librerie di python senza studiare
« Risposta #5 il: Febbraio 27, 2020, 11:29 »
Grazie dell'aiuto, ma stavo solo scherzando.
Visto che siamo al bar.
Comunque grazie.
ciao

Offline RicPol

  • python sapiens sapiens
  • ******
  • Post: 3.151
  • Punti reputazione: 9
    • Mostra profilo
Re:come imparare le librerie di python senza studiare
« Risposta #6 il: Marzo 17, 2020, 20:41 »
La mia risposta a questa domanda: https://pythoninwindows.blogspot.com/2020/03/come-imparare-python-senza-studiare.html

Era da un po' che volevo scrivere qualcosa del genere... prende una ventina di minuti di lettura, ma credo che ne valga la pena.
D'ora in poi lo userò come risposta standard in un certo numero di casi...

Offline nuzzopippo

  • python neanderthalensis
  • ****
  • Post: 351
  • Punti reputazione: 0
    • Mostra profilo
Re:come imparare le librerie di python senza studiare
« Risposta #7 il: Marzo 18, 2020, 07:24 »
La mia risposta a questa domanda:...

Letto tutto : veramente bello!

... a volte mi fa fischiare le orecchie ma devo proprio fare i complimenti per come è affrontato l'argomento. Notevole è l'identificazione del processo "evolutivo" avuto nell'approccio al tema "programmazione", ottimi, per quanto visto, i numerosi riferimenti a documenti storico-informativi.

Come detto : mi ha fatto fischiare le orecchie ma mi è piaciuto assai, ed in particolar modo la conclusione :
Citazione
Ma non è detto che capire non possa essere divertente, molto più di imparare e molto più di usare.

Offline sibelius

  • python unicellularis
  • *
  • Post: 26
  • Punti reputazione: 0
  • Gutta cavat lapidem
    • Mostra profilo
    • mangiando ciambelle
Re:come imparare le librerie di python senza studiare
« Risposta #8 il: Marzo 19, 2020, 07:44 »
Non l'ho ancora letto tutto, mi propongo di farlo in una settimana la sera, mi ci vuole una settimana, io sono lentissimo.
ciao

Offline sibelius

  • python unicellularis
  • *
  • Post: 26
  • Punti reputazione: 0
  • Gutta cavat lapidem
    • Mostra profilo
    • mangiando ciambelle
Re:come imparare le librerie di python senza studiare
« Risposta #9 il: Giugno 18, 2020, 15:06 »
Buonasera a tutti.
Finalmente ho finito di leggere la risposta di RicPol.
Mi e' piaciuta molto.
Mi ricorda in alcuni passaggi un film che ho visto tempo fa ma di cui non ricordo il titolo.
Nel film c'era un gruppo di persone che costituivano una sorta di comunita' all'interno della quale ognuno rivestiva un ruolo.
C'era quello che faceva la birra, c;era quello che si occupava di matematica cercando di risolvere un problema, c'era un fabbro mi sembra e altre figure.
Mi ricordo in particolare che ognuno di loro era bravissimo nel suo settore e in una parte del film, il matematico ha detto qualcosa come: " e' necessario un certo numero di ore per padroneggiare un mestiere".
Insomma per farla breve questi personaggi erano intrappolati in un loop temporale e quindi acquisivano nuove conoscenze ad ogni ciclo.
La cosa che mi ha fatto sempre pensare e' il fatto che riuscissero ad acquisire nuove conoscenze in un ciclo chiuso.
Paragono spesso questa cosa al problema della visualizzazione mentale del vuoto.
Ne ho discusso con diverse persone e sono arrivato alla conclusione che non e' possibile immaginare qualcosa che non esiste e di conseguenza, tutto quello che puo' essere immaginato, deve esistere.
Pero' per carita', non prendetemi troppo sul serio.
Siamo al bar, non dimentichiamocelo.
Torno a giocare.
ciao.