Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - drmacchius

Pagine: [1]
1
Altri linguaggi / Re:Delucidazioni cython
« il: Febbraio 24, 2020, 18:53 »
Appunto, é proprio quello che cercavo di capire: se con cython si può fare con una sintassi similpython quello che si farebbe in C. Da quello che avevo capito il codice scritto in Python viene automaticamente tradotto in codice C, che poi può venire compilato da un normale compilatore C, sia su un computer ma anche su un sistema embebbed come un lettore mp3. Da quanto ho capito cython evidenzia il codice Python che sarebbe poco efficiente e permette la gestione della memoria statica. Ciò che non capisco é se per utilizzare cython per scrivere programmi performanti  (o per programmarsi i driver di attrezzature elettroniche automodificate) oltre a saper programmare in Python, bisogna essere degli esperti programmatori e conoscitori di C, rendendo Cython solo un mezzo per ridurre le righe di codice da scrivere per chi  sa programmare molto bene in C, o se le estensioni alla sintassi Python apportate da cython permettono di fare la stessa programmazione di basso livello senza saper programmare in C come degli esperti di questo linguaggio

2
Altri linguaggi / Re:Delucidazioni cython
« il: Febbraio 23, 2020, 07:16 »
Volevo capire se lo si può usare come una sorta di Editor generatore di codice C per compilatori c/c++ dedicati  a strutture hardware particolari (e in cui non puoi istallare l‘interprete) oppure usarlo per fare programmazione di basso livello, cose che si fanno comunemente in c/c++. Vorrei inoltre capire se per usarlo in questo modo bisogna saper programmare in c/c++ oppure basta imparare le estensioni Cython al linguaggio Python

3
Altri linguaggi / Re:Delucidazioni cython
« il: Febbraio 22, 2020, 21:52 »
Intanto grazie per la risposta. Ho scritto mentre camminavo per strada col cellulare.
Quindi è necessario sempre e per forza l‘interprete?

Quello che cercavo di capire è se Cython è semplicemente un mezzo per dare Python le prestazioni di un linguaggio compilato facilitandone la scrittura di estensioni in c/c++ oppure se è una sorta di „traduttore“ che permette di fare quello che si fa con c/c++ utilizzando il lessico di python, generando in pratica codice C da compilare al bisogno anche su microcontroller o su sistemi operativi vari

4
Altri linguaggi / Delucidazioni cython
« il: Febbraio 22, 2020, 14:11 »

Qualcuno mi da delle delucidazioni a riguardo? Da quanto ho capito é un compilatore che invece di utilizzare un nuovo linguaggio, utilizza un dialetto di Python, completamente compatibile a questo, che ha delle funzioni integrative che permettono di una dichiarazione statica delle variabili e analoghe peculiarità tipiche del linguaggio C/C++, per poi tradurlo in C e compilarlo come tale, permettendo di integrare parti di codice in c e possedendo delle utility che permettono di identificare le parti del codice Python critiche per le prestazioni e ottimizzarle con C o con funzioni di C ma con sintassi di C/C++.

Ho capito bene?
É di fatto un metodo rapido per creare un linguaggio compilato che permette programmazione sia di basso livello che di alto livello, secondo tutti i paradigmi di c++, ma che permette di utilizzare librerie Python e C/C++ senza doverle riscrivere perché non si ha a che fare con un linguaggio autonomo tipo rust o boo, ma solo un traduttore che converte in C codice scritto come fosse C++ ma con sintassi Python?

Ci si può fare programmazione di sistema o riluttarono per scrivere codice per embebbed System o attrezzature elettroniche!?

5
Qualcuno mi chiarisce un attimo le idee?
cosa sono le implmemtazioni di python e le estensioni in altri linguaggi?




Python é interpretato, questo significa che permette di utilizzare una sintassi logica, chiara e libera il programmatore dal dover essere esperto di information tecnology per fare la programmazione di basso livello che rende C/C++ molto piú efficiente dal punto di vista della velocitä di esecuzione, ma anche molto piü complesso da programmare.




Ho letto che con estensioni e implementazioni si puó estendere il linguaggio evitando di dover usare altri linguaggi per fare ció che con python interpretato non si puö fare....ma la cosa non mi é molto chiara.




E poi cosa sono di preciso Cython, Jython e CPython? un traduttore automatico degli script in python in codice C per poterlo compilare come fosse C con tutti i problemi e i rischi delle traduzioni automatiche? un linguaggio che usa la sintassi di Python ma permette di fare programmazione di basso livello come in C/C++ permettendo di programmare anche attrezzature elettroniche e sistemi integrati? Un compilatore in grado di leggere codice sia in C/C++/Java che in Python permettendo di integrare parti di codice in C e parti in Python per incrementare le prestazioni, qualora si conoscesse bene entrambi i linguaggi?




Programmo per hobby e non farö mai di professione il programmatore, ma python mi piace perché mi ha permesso di capire e realizzare in pochi giorni quello che non capii e non fui in grado di fare in 5 anni con pascal nelle scuole 20 anni fa. La sua sintassi priva di parentesi strane e comandi oscuri permette di pensare il codice come lo si farebbe in un esercizio di logica o di matematica, invogliando a sperimentare.




Ma la fame vien mangiando e se uno pensa che magari potrebbe avere voglia di mettersi a fare elettronica per hobby con arduino e cose simili, farsi la casa dromotica e magari voler utilizzare tutti i gli smartphone abbandonati come controller per piccole sperimentazioni robotiche casalinghe, ci si domanda se dopo una prima fase in iniziale in cui si inizia ad avere autonomia con gli script e le macro in vari programmi (Reaper, Openoffice) e si ha un´infarinatura con la libreria di base e con le principali librerie per scrivere programmini desktop, si debba mettersi a studiare altri linguaggi - se si quale? Java per poi passare a farsi una infarinatura senza troppe pretese in C/C++ o direttamente in C++ o addirittura haswell e Lisp?- e se si vuole espandere i propri orizzonti ha poco senso addentrarsi ad approfondire a menadito tuttii meandri del linguaggio e conviene ampliare la propria visione facendosi un´infarinatura superficiale con altri linguaggi che perö permettono di essere usati piü facilmente su dispositivi portatili o nella hobbystica elettronica?




In pratica, se si vuole progredire si puö considerare Python (o la sua sintassi) solo come un mezzo didattico per avvicinarsi facilmente alla programmazione e per diventare un utente di mediolivello quando si usano sistemi operativi Unix-Like e con applicazioni particolari che ne prevedono l´utilizzo nella scrittura di macro oppure pué essere considerato un moderno linguaggio generalista che permette ai suoi conoscitori con le dovute integrazioni di poter fare tutto quello che puö fare chi conosce C/C++?




Di fatto se non si hanno ambiazioni professionali ma si vuole solo divenire un utilizzatore di computer e hobbysta elettronico evoluto serve tornare indietro e studiare linguaggi che erano basilari 20 anni fa o se ne puö fare a meno perché come C ha asservito la propria sintassi per la crezione di un linguaggio a oggetti (c++) per poi mantenerne la sintassi per creare un linguaggio meno complesso ma portabile e di script (Jawa), python si é evoluto asservendo la propria sintassi per la nascita di linguaggi compilabili e che permettano la programmazione di basso livello con la stessa efficienza di C/C++ ma con un linguaggio piú moderno e leggibile?

Pagine: [1]