Topic: tkinter, PyQT, Kivi, WxPython, quale usare?  (Letto 865 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Giuse

  • python unicellularis
  • *
  • Post: 7
  • Punti reputazione: 0
    • Mostra profilo
tkinter, PyQT, Kivi, WxPython, quale usare?
« il: Novembre 15, 2019, 16:32 »
Ciao a tutti sono nuovo del mondo python e della programmazione in genere. Sto seguendo guide, prevalentemente sul tubo, da circa un mese, ma non ho capito quale mi conviene usare dei vari tkinter, PyQT, Kivi, WxPython e altri .o

Forse qualcuno è più indicato per alcuni progetti più corposi e altri meno?

Offline RicPol

  • python sapiens sapiens
  • ******
  • Post: 3.154
  • Punti reputazione: 9
    • Mostra profilo
Re:tkinter, PyQT, Kivi, WxPython, quale usare?
« Risposta #1 il: Novembre 16, 2019, 00:28 »
mah, domanda fatta un milione di volte, e come il milione di volte precedente, troppo vaga per avere una risposta seria. Ci sono pro e contro per tutte le cose, e si possono passare i mesi e gli anni a spaccare il capello in quattro e pesare ogni singolo aspetto... ma alla fine, niente sostituisce un po' di pratica, tentativi e abitudine.
Come uno che ha scritto un libro su wxPython... ehm... forse potrei dirti wxPython... tranne che probabilmente io stesso ormai userei le Qt se dovessi scegliermi un framework da zero.  ;)

Ma la vera risposta (che ovviamente so già che non seguirai, ma per correttezza e onestà intellettuale non posso non darti) è questa: se sei "nuovo del mondo python e della programmazione in genere", semplicemente lascia perdere le gui per almeno un annetto buono. Usare un gui framework è una cosa complessa e delicata, e dovresti prima imparare bene le basi. Segui un buon libro (il Lutz è sempre il consiglio più gettonato), mettici molta pazienza e molto impegno, e vedrai che le gui arriveranno quando sarà il momento.

Offline Giuse

  • python unicellularis
  • *
  • Post: 7
  • Punti reputazione: 0
    • Mostra profilo
Re:tkinter, PyQT, Kivi, WxPython, quale usare?
« Risposta #2 il: Novembre 18, 2019, 18:42 »
Ti ringrazio per la risposta.
In effetti sto sperimentando e mettendo in pratica.

Ho in mente un piccolo progetto, quindi mi sto concentrando sugli argomenti che me lo farebbero "realizzare".
Per adesso sto andando avanti con Tkinter dove di documentazione mi pare c'è ne sia in abbondanza rispetto ad altro.

Ho letto che su tkinter sono 3 le direttive per collocare degli oggetti:
place
pack
grid


Mi chiedevo se fosse possibile combinarli tra loro: dentro una finestra ho 2 zone/frame che potrei definire con place, mentre dentro questi 2 potrei usare grid?

Offline nuzzopippo

  • python neanderthalensis
  • ****
  • Post: 381
  • Punti reputazione: 0
    • Mostra profilo
Re:tkinter, PyQT, Kivi, WxPython, quale usare?
« Risposta #3 il: Novembre 19, 2019, 08:44 »
Mi scuso se mi permetto di intervenire nel post, pur avendo molto da imparare

...
Mi chiedevo se fosse possibile combinarli tra loro: dentro una finestra ho 2 zone/frame che potrei definire con place, mentre dentro questi 2 potrei usare grid?

Si è possibile se occorre, in proposito mi permetto di proporti un esempio che tempo fa mi misi a sviluppare per un utente in un altro forum, interrotto, in cui, nelle finestre di test, utilizzo e mischio i gestori di layout grid e pack.

Bada bene, in caso di uso del gestore "place", che eventuali ridimensionamenti della finestra devi gestirli direttamente dal Tuo codice ... in ogni caso, personalmente, non considero una buona idea combinare gestori di geometria che utilizzano diverse "regole", potendo verificarsi comportamenti imprevisti.

Per finire, la Tua domanda iniziale : se sei sufficiente anglofono, niente da aggiungere ma, se come me hai difficoltà con l'inglese, considera di dare una guardata al libro del buon @Ric, credo ne valga la pena e che le wx non siano malvagge.

Offline RicPol

  • python sapiens sapiens
  • ******
  • Post: 3.154
  • Punti reputazione: 9
    • Mostra profilo
Re:tkinter, PyQT, Kivi, WxPython, quale usare?
« Risposta #4 il: Novembre 19, 2019, 09:16 »
Un'altra soluzione sempre possibile sarebbe imparare a programmare, prima di programmare. https://www.lafeltrinelli.it/libri/mark-lutz/python/9788820333683
A tutte le altre domande, la risposta è: sì, si può fare, ma lo imparerai col tempo.

Offline Giuse

  • python unicellularis
  • *
  • Post: 7
  • Punti reputazione: 0
    • Mostra profilo
Re:tkinter, PyQT, Kivi, WxPython, quale usare?
« Risposta #5 il: Novembre 19, 2019, 10:19 »
Il libro è quello in firma di ricPol?

Offline nuzzopippo

  • python neanderthalensis
  • ****
  • Post: 381
  • Punti reputazione: 0
    • Mostra profilo
Re:tkinter, PyQT, Kivi, WxPython, quale usare?
« Risposta #6 il: Novembre 19, 2019, 10:54 »
Si, è un work-in-progress e fornisce alcuni stralci perché lo si possa valutare.

Ho avuto modo di leggere gli appunti che lo hanno originato e, personalmente, ne sono rimasto colpito favorevolmente, per quanto ho visto in giro è uno dei pochi documenti decenti in italiano circa la definizione di interfacce grafiche in applicazioni python.

Offline RicPol

  • python sapiens sapiens
  • ******
  • Post: 3.154
  • Punti reputazione: 9
    • Mostra profilo
Re:tkinter, PyQT, Kivi, WxPython, quale usare?
« Risposta #7 il: Novembre 19, 2019, 16:56 »
Si, è un work-in-progress e fornisce alcuni stralci perché lo si possa valutare.

Ho avuto modo di leggere gli appunti che lo hanno originato e, personalmente, ne sono rimasto colpito favorevolmente, per quanto ho visto in giro è uno dei pochi documenti decenti in italiano circa la definizione di interfacce grafiche in applicazioni python.
però comprare il libro no, eh? grrrrr   :devil:

Offline nuzzopippo

  • python neanderthalensis
  • ****
  • Post: 381
  • Punti reputazione: 0
    • Mostra profilo
Re:tkinter, PyQT, Kivi, WxPython, quale usare?
« Risposta #8 il: Novembre 19, 2019, 19:27 »
Si, è un work-in-progress e fornisce alcuni stralci perché lo si possa valutare.

Ho avuto modo di leggere gli appunti che lo hanno originato e, personalmente, ne sono rimasto colpito favorevolmente, per quanto ho visto in giro è uno dei pochi documenti decenti in italiano circa la definizione di interfacce grafiche in applicazioni python.
però comprare il libro no, eh? grrrrr   :devil:

 :glasses-cool:  è preventivato tra le spese da fare! Dai tempo al tempo! :)

Due "difficoltà" :
1° - Non ho "strumenti" per fare transazioni on-line, mai fatte, x sfiducia innanzi tutto, ma prima o poi mio figlio tornerà dall'Università.
2° - dopo un primo approccio, ho appeso le GUI al chiodo, per "stagionare" adeguatamente le basi pythoniche, ho "qualcosa" ancora da vedere ... ma mi ci sto avvicinando.
« Ultima modifica: Novembre 19, 2019, 19:29 da nuzzopippo »

Offline RicPol

  • python sapiens sapiens
  • ******
  • Post: 3.154
  • Punti reputazione: 9
    • Mostra profilo
Re:tkinter, PyQT, Kivi, WxPython, quale usare?
« Risposta #9 il: Novembre 19, 2019, 23:34 »
Si scherza, figurati... tanto non è che lo scrivo per i soldi che mi arrivano... con quelli mi ci faccio il regalo di natale se proprio mi va di lusso...

In realtà la cosa che mi prude un po'... se proprio devo dirlo... è che l'80 per cento della gente lo compra al prezzo minimo!! ora cavoli, è un libro di 400 pagine (e arriverà tranquillo a 600) per 15 euro di prezzo consigliato... voglio dire, uno potrebbe anche pensare di sprecarsi un po' nella vita, no? E invece la gente lo prende comunque al prezzo minimo di 10 euro... eccheccavolo... ecco, questo se devo dire mi spiace davvero un po'... questa mentalità per cui la prima cosa importante è il gratis, la seconda cosa importante è il prezzo più basso possibile, e poi se proprio ci scappa la qualità, allora meglio ma non è indispensabile.

E' il ragionamento per cui la gente continua a scaricarsi "pensare da informatico" (gran ciofeca) o peggio ancora seguire certi "corsi" su youtube (dio ci scampi)...
Vabbè...


Offline nuzzopippo

  • python neanderthalensis
  • ****
  • Post: 381
  • Punti reputazione: 0
    • Mostra profilo
Re:tkinter, PyQT, Kivi, WxPython, quale usare?
« Risposta #10 il: Novembre 20, 2019, 08:08 »
Si scherza, figurati...

L'avevo capito :)

Per le Tue considerazioni, comprendo e non posso che offrirTi la mia solidarietà, con molta "leggerezza" l'utenza prende ciò che trova senza la minima considerazione di quanto prezioso, laborioso e faticoso sia l'impegno profuso per creare ciò che è a nostra disposizione.

Sin troppo familiare è tale leggerezza, negli oltre trent'anni che frequento questo "mondo" (continente FLOSS in particolare) l'ho vista crescere di pari passo al suo divenire "amichevole" nei confronti dell'utenza ... temo sia un fattore "generazionale", troppa abitudine ad avere disponibili mezzi sofisticati ed informazioni hanno portato a non comprendere il valore che tali mezzi hanno, oltre che al non saperne discernere la qualità degli stessi.

... però, una considerazione la voglio fare : pur se non mancano "approfittatori" maturi e con disponibilità, la maggior parte degli "interessati" a tali argomenti sono giovani ed il nostro "sociale" è diventato ostile ad essi, ne conosco molti che devono centellinarsi i centesimi ed anche pochi euro possono essere, per loro, significativi.

Non voglio, con ciò, giustificare il "braccino stretto", solo esprimere il concetto che non necessariamente al "minimo" corrisponda un mancato apprezzamento del Tuo lavoro.
« Ultima modifica: Novembre 20, 2019, 08:11 da nuzzopippo »