Topic: Creazione nuovo framework per gui usando python, openGL, Cairo e pyglet  (Letto 4405 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline RicPol

  • python sapiens sapiens
  • ******
  • Post: 3.154
  • Punti reputazione: 9
    • Mostra profilo
Re: Creazione nuovo framework per gui usando python, openGL, Cairo e pyglet
« Risposta #15 il: Novembre 12, 2015, 14:50 »
figurati... come detto da riko, il thread è interessante. e come detto da me, tanto di cappello

Offline yoplett

  • python unicellularis
  • *
  • Post: 13
  • Punti reputazione: 0
    • Mostra profilo
Re: Creazione nuovo framework per gui usando python, openGL, Cairo e pyglet
« Risposta #16 il: Novembre 12, 2015, 21:21 »
Sul fatto che io non ho nessuna nozione su come si gestisce un progetto open, avete pienamente ragione, provvederò immediatamente a studiare il dovuto per colmare la lacuna. Mi sembra scontato che che per mantenere la portabilità di un progetto con le wx occorre utilizzare solo i widget così detti standard e non tutti, per definizione le wx cercano di mantenere e ci riescono eccellentemente, il look nativo del'OS ospitate, per far questo si appoggiano alle API native dell'OS stesso, ne consegue che nel momento in cui cerco di forzare la mano pretendendo widget che originariamente non sono previsti o previsti ma non in quella forma dall'OS creo grossi pasticci che molte volte poi semplicemente non funzionano su tutte le piattaforme, questo mi sembra scontato, nel momento in cui entro nella logica di volere solo quello che OS prevede, tutto funziona perfettamente. diverso è per le QT, è ovvio che a livello di portabilità sono migliori, loro non utilizzano le API di alto livello dell'OS, scendono a basso livello utilizzando le primitive ridisegnando di sana pianta i widget previsti dai creatori di QT, in questo caso è ovvio che hanno maggiore portabilità ma comunque hanno il limite di dover utilizzare solo la grafica prevista dai creatori che non è ne MAC ne Windows ne altro con scarsa possibilità di castomizzazione. Io stesso mi sono scontrato con il limite delle wx, tempo fa sviluppai un gestionale di supporto alla mia attività, così per gioco utilizzando le wx, tutto funzionava perfettamente su tutte le piattaforme, un giorno, appena uscito il vecchio windows 8.1 rimasi affascinato dalla innovativa "home page - metro menu" con i tile animati ecc. decisi di provare, sempre utilizzando le wx a rifare la pagina principale del mio gestionale, per ottenere qualcosa di molto simile se non identico, ho spinto le wx fino ai limiti del possibile, cosa che non andrebbe mai fatta, cercando scorciatoie e e soluzioni per ottenere il risultato voluto e la completa portabilità, dopo giorni di estenuanti prove e studio ci riuscii ed il risultato era eccellente, praticamente una replica esatta, indovinate dove fallì completamente la cosa? Nel punto in cui mi scontrai con le animazioni delle tile, con le wx non è possibile ottenere animazioni, sopratutto più animazioni contemporaneamente degne di essere chiamate tali, provai in ogni modo utilizzando i threars ecc. ecc. ma nulla, le animazioni erano lente scatole, pietose...è anche per questo che mi venne l'idea di creare un framework che mi permettesse di fare tutto quello che volevo. Finché un framework si appoggia alle API del sistema operativo, in qualsiasi punto, non potrà mai essere completamente portabile o comunque diventa praticamente impossibile dare allo sviluppatore la possibilità di castomizzare a sua discrezione la parte grafica.

Offline yoplett

  • python unicellularis
  • *
  • Post: 13
  • Punti reputazione: 0
    • Mostra profilo
Re: Creazione nuovo framework per gui usando python, openGL, Cairo e pyglet
« Risposta #17 il: Novembre 12, 2015, 21:56 »
Nel momento in cui si decidesse di creare un framework utilizzando solo componenti completamente o quasi indipendenti  dalla piattaforma quali openGL e CAIRO, in automatico riuscirei ad ottenere una portabilità quasi assoluta, il problema si sposterebbe non più tanto neanche sul discorso window manager difficile si ma fattibile quanto sulla progettazione di un sistema per programmare e castomizzare la parte grafica, una sorta di parsing o pseudo linguaggio di programmazione per impartire informazioni grafiche a CAIRO uno pseudo linguaggio più user-frendely, anche se in verità si potrebbero anche imporre le stessa sintassi CAIRO direttamente. OpenGL si occupa della composizione della pagina e delle eventuali animazioni di transizione e non  anche esse completamente programmabili, CAIRO si occuperebbe di comporre graficamente ogni singolo elemento che compone i widget, non momento in cui si innesca una animazione, CAIRO fonte anche lui da compositor, ridisegnando una texture unica, questa volta formata dalla pagina o sezione intera con relativi childrens che siano semplici panel o interi widget che openGL provvede a muovere dando origine all'animazione. E' scontato che un progetto del genere si scontra sul fatto che ogni sistema operativo ha degli aspetti incompatibili uno con l'altro, il menù mac differisce dal menu windows così come il toolbar ecc. proprio per concezione e non solo per il discorso grafico, ma l'obbiettivo non sarebbe quello di virtualizzate, ma quello di emulare, immaginate l'applicazione il fullscreen, è ovvio che sottostante ci sarebbe il desktop nativo, ma che importa il mio fullscreen coprirebbe ad esempio menù e tutto il resto ed io potrei ridisegnare il tutto a mio piacimento. L'idea non è quella di utilizzare Windows come se fosse mac o viceversa ma semplicemente la possibilità di sviluppare un applicativo che abbia l'aspetto che più desidero, il compito di decidere quale sarà l'aspetto della sua applicazione spetterà all'utilizzatore del framework, il programmatore finale che potrà decidere e con quale grado di precisione se riprodurre mac, windows o un sistema grafico un look di sua totale invenzione.

Offline yoplett

  • python unicellularis
  • *
  • Post: 13
  • Punti reputazione: 0
    • Mostra profilo
Re: Creazione nuovo framework per gui usando python, openGL, Cairo e pyglet
« Risposta #18 il: Novembre 12, 2015, 22:02 »
Come posso allegare una immagine? Vorrei portare un esempio

Offline Python

  • python sapiens sapiens
  • ******
  • Post: 2.045
  • Punti reputazione: 2
  • Radon - Cyclomatic Complexity of your Python code
    • Mostra profilo
    • Radon - Cyclomatic Complexity of your Python code
Re: Creazione nuovo framework per gui usando python, openGL, Cairo e pyglet
« Risposta #19 il: Novembre 12, 2015, 23:30 »
È da un po' che gli allegati non funzionano mi pare... Fai prima a caricarla da qualche parte e postare il link.

Offline RicPol

  • python sapiens sapiens
  • ******
  • Post: 3.154
  • Punti reputazione: 9
    • Mostra profilo
Re: Creazione nuovo framework per gui usando python, openGL, Cairo e pyglet
« Risposta #20 il: Novembre 12, 2015, 23:37 »
Citazione
Come posso allegare una immagine? Vorrei portare un esempio
non abbiamo molto spazio qui per le immagini... postala su imgur o qualcosa del genere, e metti il link se vuoi... ma guarda, non è con un'immagine che puoi portare un esempio...
Io posso disegnare un fantastico quadro di un sottomarino volante, ma questo non vuol dire che so come costruirlo. Abbiamo già capito, a grandi linee, cosa ti immagini di fare... il problema è che siamo molto dubbiosi che si possa fare, e in modo competitivo, etc. etc. Ma non ci convincerai del contrario con un'immagine, ma con del codice.

Detto questo, il discorso si sta avvitando e si sta anche facendo confuso. Riko ha detto la sua rispetto alle difficoltà dell'obiettivo in sé, e io concordo.
Ma questo non voleva essere un pretesto per lanciarsi in descrizioni e contro-descrizioni di come dev'essere fatto un sottomarino volante...
Il problema immediato, adesso, è quello che si diceva: mettiti nelle condizioni di lavorare davvero a un progetto open source di vasto respiro, prima di tutto.

Citazione
Nel momento in cui si decidesse di creare un framework utilizzando solo componenti completamente o quasi indipendenti  dalla piattaforma quali openGL e CAIRO, in automatico riuscirei ad ottenere una portabilità quasi assoluta,
Ecco, questa è una perfetta descrizione di sottomarino volante.
Quello che dici è vero solo a livello di sogno a occhi aperti. Siamo tutti d'accordo che in teoria sì, sarebbe possibile anche blittare punto-a-punto su un canvas una roba perfettamente identica a una gui cocoa, o metro, o vattelapesca. E ci sembra quasi di toccarla, questa interfaccia magica. Ma in pratica, appena ti metti per davvero a buttar giù del codice, vedi che ci sono tanti, ma tanti, ma proprio tanti dettagli pratici in mezzo.


EDIT: adesso che mi viene in mente.
In una puntata della seconda stagione di Halt & Catch Fire http://www.imdb.com/title/tt2543312/, i nostri haker-eroi degli anni '80 fanno proprio questo: un fake di una "gui" unix realizzata su un commodore64.
Ecco, mi risulta che questa sia l'unica volta che qualcuno ha provato a fare davvero una cosa del genere. In un telefilm. Ah, e comunque vengono scoperti subito.

Offline yoplett

  • python unicellularis
  • *
  • Post: 13
  • Punti reputazione: 0
    • Mostra profilo
Re: Creazione nuovo framework per gui usando python, openGL, Cairo e pyglet
« Risposta #21 il: Novembre 13, 2015, 13:05 »
Per inciso: le immagini che volevo allegare erano istantanee del mi descktop Mac e Win dove gira il mio in fase embrionale framework e non sarerebbero state immagini prese chi sa dove, magari seguite da parti di codice. Il fatto di cominciare a scrivere codice concreto lo faccio già da tanto e tanto tempo, ragionandoci, ricorreggendolo e aggiustando il tiro. Il fatto di doverti convincere, assolutamente no, non ti devo mica vendere nulla...Come già più volte detto la mia intenzione era quella di scambiare opinioni e critiche costruttive non certo quella di vendere o convincere ne tanto meno chiedere come fare le cose, La mia domanda originale era: ha senso secondo voi? Non ditemi come si fa a, credo che se avesse senso fare solo le cose facili, non saremmo neanche qua a discutere di nulla, mi vien da ridere quando mi si dice, che non ho idea della complessità dell'impresa perché non ho idea del numero di file o righe di codice che occorre scrivere, verissimo l'impresa è ardua, ma la complessità di un progetto di tale portata è ancora prima di scrivere qualsiasi riga di codice, in fase di progettazione complessiva, come si dice, sulla carta. ad ogni modo hai ragione tu, seguirò i tuo consigli.

Offline Giornale di Sistema

  • python sapiens sapiens
  • ******
  • Post: 3.124
  • Punti reputazione: 4
    • Mostra profilo
    • Distillato di Python
Re: Creazione nuovo framework per gui usando python, openGL, Cairo e pyglet
« Risposta #22 il: Novembre 13, 2015, 14:27 »
La mia domanda originale era: ha senso secondo voi? Non ditemi come si fa

La domanda originale era se fosse possibile

Citazione
creare un nuovo Framework GUI in alternativa a pyQT  e pyWX utilizzando pyglet, OpenGL, Cairo e ovviamente python

con l'idea di

Citazione
riuscire a creare una GUI graficamente completamente indipendente rispetto alla piattaforma su cui gira, per intenderci, all'occorrenza riuscire ad emulare più o meno fedelmente ad esempio una interfaccia mac sin win e viceversa o addirittura qualcosa di completamente nuovo.

Se non ho cannato completamente il senso delle risposte precedenti che entrano anche discretamente nel dettaglio (da cui il "come si fa"), essenzialmente è un no.

Sono tante e tali le problematiche, per lo più già affrontate in anni di lavoro dai GUI Toolkit esistenti,
che se non si propone qualcosa di veramente innovativo e/o risolva in modo brillante vecchi problemi,

tanto vale unire le forze e collaborare ad uno dei progetti esistenti
piuttosto che disperderle nella speranza di raccogliere una massa critica per far decollare il proprio.

Risposto (gli altri) alla tua domanda argomentandola anche piuttosto a largo raggio,
nulla ti vieta (considerando anche la semplicità/velocità nel farlo) di tirar su un repository

su github e iniziare a lavorare comunque al tuo progetto. A parte il piacere personale,
acquisirai ulteriori competenze che magari ti ritroverai a utilizzare per dare una mano ad altri,

che magari potrebbero voler ricambiare dando un contributo al tuo progetto... e da cosa nasce cosa... vai a sapere dove tutto questo può portare...   ;)

Offline riko

  • python deus
  • *
  • moderatore
  • Post: 7.453
  • Punti reputazione: 12
    • Mostra profilo
    • RiK0 Tech Temple
Re: Creazione nuovo framework per gui usando python, openGL, Cairo e pyglet
« Risposta #23 il: Novembre 14, 2015, 10:02 »
Sul fatto che io non ho nessuna nozione su come si gestisce un progetto open, avete pienamente ragione, provvederò immediatamente a studiare il dovuto per colmare la lacuna.

Si, ecco... non e' che ci sia un manuale "il perfetto maintainer". Temo che sia roba che si impara con la pratica. Ma anche semplicemente capire un po' come funzionano le cose si acquisisce con la pratica. Oh, appunto, niente di infattibile. In un certo senso e' solo buon senso.

 Mi sembra scontato che che per mantenere la portabilità di un progetto con le wx occorre utilizzare solo i widget così detti standard e non tutti,

> per definizione le wx cercano di mantenere e ci riescono eccellentemente, il look nativo del'OS ospitate,

Come dire... no. Le wx non riescono "eccellentemente" a farsi passare per native. Non su OS X, almeno. Windows non lo uso, mi ricordo una situazione un po' migliore, ma comunque non eccessivamente diversa. O meglio... se hai le gui alla "windows NT" tutto sommato vengono meglio, piu' "moderno" e' il resto dell'apparenza, piu' wx tende a sembrare un po' diversa. Su Linux, complessivamente, a meno di configurazioni veramente strambe, fanno un buon lavoro.

Ma su OS X, non ci andiamo nemmeno vicini. Le applicazioni le vedi da lontano, appena aperte. Non c'e' scampo, non hanno modo per non farsi vedere come aliene. In parte sono le convenzioni, ma anche semplicemente la scelta dei widget (che appunto, sono limitati) e il modo in cui si disegnano. Non sembrano applicazioni OS X. Ho visto theme pack per windows cammuffarlo meglio da OS X di quanto non ci riesca un'applicazione wx *su* OS X.

Citazione
per far questo si appoggiano alle API native dell'OS stesso, ne consegue che nel momento in cui cerco di forzare la mano pretendendo widget che originariamente non sono previsti o previsti ma non in quella forma dall'OS creo grossi pasticci che molte volte poi semplicemente non funzionano su tutte le piattaforme, questo mi sembra scontato, nel momento in cui entro nella logica di volere solo quello che OS prevede, tutto funziona perfettamente.

Il che vuole dire limitarti al common subset di quello che e' supportato ovunque. E ovviamente poi le applicazioni risultanti sono primitive rispetto a quelle native. Ehm...

> diverso è per le QT, è ovvio che a livello di portabilità sono migliori, loro non utilizzano le API di alto livello dell'OS, scendono a basso livello utilizzando le primitive ridisegnando di sana pianta i widget previsti dai creatori di QT, in questo caso è ovvio che hanno maggiore portabilità ma comunque hanno il limite di dover utilizzare solo la grafica prevista dai creatori che non è ne MAC ne Windows ne altro con scarsa possibilità di castomizzazione.

Credo che tu ed io abbiamo in mente due diverse Qt. E non e' questione di versione: la prima volta che le ho usate correva la versione 2.x.
Allora, si, Qt sembra un po' meno marziano di wx. E oggettivamente ho visto qualche applicazione Qt che passava molto bene per nativa (spesso poi in seguito e' saltato fuori che no, non era Qt ma era davvero nativa). Ma la grossa parte delle applicazioni Qt si vedono pure loro da lontano.

Il fatto che *nessuno* sia riuscito a fare qualcosa di passabile e completamente xplatform mi fa pensare che il problema non sia davvero risolvibile. Aggiungo che con l'allargamento del web, tutto quanto il problema sta transizionando verso l'irrilevanza per la maggior parte dei contesti. Quindi...

Ah... per inciso, Qt e' customizzabile come tutti quanti. Se guardi KDE direi piuttosto tanto.

> sopratutto più animazioni contemporaneamente degne di essere chiamate tali, provai in ogni modo utilizzando i threars ecc. ecc. ma nulla,
> le animazioni erano lente scatole, pietose...è anche per questo che mi venne l'idea di creare un framework che mi permettesse di fare tutto quello che volevo.

visto e considerato che:
1. i thread sono veramente complicati da usare per bene
2. i thread in python non funzionano come ti aspetti
3. fare qualunque cosa che deve essere essenzialmente soft real time in python non e' un'idea esattamente brillante
4. wx, come la maggior parte delle gui, ti consente di chiamare codice della libreria in modo safe solo dal thread principale

non mi stupisce. ;)

Citazione
Finché un framework si appoggia alle API del sistema operativo, in qualsiasi punto, non potrà mai essere completamente portabile o comunque diventa praticamente impossibile dare allo sviluppatore la possibilità di castomizzare a sua discrezione la parte grafica.

Comunque, si *customizza*, non sti *castomizza*. Detto questo... piu' ci penso e piu' sono convinto che sia semplicemente un problema non risolvibile.
Cioe', e' risolvibile un tanto al chilo. Il fatto che tu sostenga che wx siano "eccellenti" per fare xplatform su mac mi suggerisce che appunto, il tuo concetto e' un po' diverso dal mio. Con la tua definizione direi che puoi farcela... ma renditi conto che *non* staresti risolvendo il problema attuale e che gli sviluppatori continueranno ad usare le API native, esattamente come stanno facendo oggi.


Offline riko

  • python deus
  • *
  • moderatore
  • Post: 7.453
  • Punti reputazione: 12
    • Mostra profilo
    • RiK0 Tech Temple
Re: Creazione nuovo framework per gui usando python, openGL, Cairo e pyglet
« Risposta #24 il: Novembre 14, 2015, 10:09 »
ma che importa il mio fullscreen coprirebbe ad esempio menù e tutto il resto ed io potrei ridisegnare il tutto a mio piacimento.

La prima volta che mi arriva un'applicazione cosi' vado a prendere a casa tutti gli sviluppatori coinvolti e li chiudo in una stanza dove un nastro, in perpetuo, gli legge a ciclo continuo le OS X HIGs e non li faccio uscire finche' non me lo recitano a memoria.

Tra l'altro, a proposito di infattibile... ti rendi conto che questa strategia non funziona? In primo luogo vuoi prendere tutto fullscreen? E se io non voglio usare l'applicazione full screen?

E poi mi ridisegni la barra? Come pensi di farcela? Sulla mia barra, per dire, c'e' il cosino della batteria. Tu che fai, leggi la configurazione dell'os, scopri che lo voglio e lo re-implementi? E c'e' anche un simile widget per la CPU... che pero' e' offerto da un'applicazione esterna, con feature diverse. Che fai, reimplementi anche tutte le applicazioni disponibili su OS X che ficcano roba nella barra dei menu in modo che funzionino con il tuo gui framework?

Presente quando dicevo che saltano fuori frasi di ingenuita' allarmante?

Offline riko

  • python deus
  • *
  • moderatore
  • Post: 7.453
  • Punti reputazione: 12
    • Mostra profilo
    • RiK0 Tech Temple
Re: Creazione nuovo framework per gui usando python, openGL, Cairo e pyglet
« Risposta #25 il: Novembre 14, 2015, 10:16 »
La mia domanda originale era: ha senso secondo voi?

Allora, *se* riesci a fare davvero quello che prometti (ma a giudizio di terzi, non "mi sembra che sia portabile e che si mimetizzi") qualche tipo di utilita' c'e'. E' molto ridotta per vari motivi (GUI in contrazione, necessaria rinuncia a features offerte dagli OS), ma qualcosa c'e'.

Se fai qualcosa che arriva anche solo al livello di wx o di Qt, dal punto di vista del sembrare nativo, no, l'utilita' e' nulla. O riesci a fare quello che nessuno negli ultimi vent'anni e' riuscito a fare, oppure davvero.. e' yet another gui framework. Ce ne sono piu' di quelli che ho tempo di imparare e alla fine dei conti i "maggiori", con tutti i loro limiti, funzionano sufficientemente bene da non essere un grosso problema.

Ovviamente questo non vuole dire che tu non possa farlo per divertimento. Io posso dirti, se qualcuno mi annunciasse l'esistenza di questo framework non andrei nemmeno a vederlo. Aspetterei di imbattermi in un po' di applicazioni complesse di cui non mi rendo conto che non sono native.

Nota... non abbiamo nemmeno tratto sul come un gui framework deve interagire con i vicini. Ma hai chiesto di non discutere il "come", quindi lascero' perdere.

Offline yoplett

  • python unicellularis
  • *
  • Post: 13
  • Punti reputazione: 0
    • Mostra profilo
Re: Creazione nuovo framework per gui usando python, openGL, Cairo e pyglet
« Risposta #26 il: Novembre 14, 2015, 11:55 »
Hai pienamente ragione, mi hai fatto riflettere, comunque, come dici tu il concetto di nativo che intendevo io è diverso da quello che intendi tu, e quello che intendo io, hai ragione tu, non servirebbe a molto ammesso che ci riesca, probabilmente sarebbe solo un giochino, una soddisfazione personale nulla di più. Hai ragione quando dici che il concetto di fullscreen è orripilante, era solo un esempio per far capire cosa intendevo per aspetto nativo, senza ovviamente considerare giustamente come dici tu stato batteria ecc. ecc. sarebbe impossibile quanto inutile, nell'utilizzo normale non fullscreen dovrei appoggiarmi comunque alla finestra principale nativa andando ad integrare tutto il resto ma come dici giustamente, l'utilità quale sarebbe? Ovviamente utilizzare strumenti nativi è e resterà l'unico sistema per avere applicazioni native, la mia era una idea per trovare un buon compromesso ma a questo punto che senso ha, ce ne sono già tante... Probabilmente mi sono fatto prendere la mano dal mio giochino e dalla voglia di mettermi sempre alla prova, continuerò a portare avanti la cosa ma solo per scopo didattico mio personale, senza pretese e senza limiti di tempo, solo per capire come girano o possono girare le cose e sbattere la testa sui problemi e capire meglio le cose o magari, meglio mi dedichi allo studio di qualche cosa di già esistente e più promettente, come da te consigliato quale ad esempio kivy. Ti ringrazio per questo ultimo intervento che mi ha fatto capire meglio le cose. Comunque, per me l'argomento rimane molto interessante, mi piacerebbe continuare ad approfondire l'argomento.

Offline yoplett

  • python unicellularis
  • *
  • Post: 13
  • Punti reputazione: 0
    • Mostra profilo
Re: Creazione nuovo framework per gui usando python, openGL, Cairo e pyglet
« Risposta #27 il: Novembre 14, 2015, 11:58 »
Scusa, curiosità cosa intendi con: "non abbiamo nemmeno tratto sul come un gui framework deve interagire con i vicini" non ho capito cosa intendi.

Offline yoplett

  • python unicellularis
  • *
  • Post: 13
  • Punti reputazione: 0
    • Mostra profilo
Re: Creazione nuovo framework per gui usando python, openGL, Cairo e pyglet
« Risposta #28 il: Novembre 14, 2015, 12:14 »
Altra domanda stupida e ingenua, non che voglia imbarcarmi in una nuova assurdità ma solo per parlare, pensi sia possibile, abbia senso, una sorta di meta linguaggio non so come dire.. trasversale che con i dovuti compromessi, riesca ad unificare le varie interfacce? senza appoggiarsi alle API native direttamente ma sfruttando la programmazione nativa? non so come esprimere il concetto un pochino contorto, non prendetemi per pazzo, una sorta di Xcode che consenta di compilare il progetto per win o mac, ovviamente non sarebbe possibile utilizzare quei widget incompatibili tra i due sistemi, o meglio non incompatibili ma quanto quello che non esiste su entrambi, diciamo quello che tenta di fare wx ma seguendo una strada diversa di più alto livello. Scusate se ho detto una cavolata, è così una riflessione magari assurda.

Offline juliux

  • python unicellularis
  • *
  • Post: 28
  • Punti reputazione: 0
    • Mostra profilo
Re: Creazione nuovo framework per gui usando python, openGL, Cairo e pyglet
« Risposta #29 il: Novembre 15, 2015, 09:50 »
Dato anche l'esempio che hai riportato del main menù con le Wx... Come già ti è stato detto, secondo me la soluzione per te ideale esiste già  :).

Perché non usare HTML5 per le interfacce? In un colpo solo, mi vengono in mente questi vantaggi, circoscritti alla sola GUI:

1) Presenza di tool per il Functional/Acceptance Testing. Sto pensando a qualcosa che simuli l'interazione dell'utente, come Selenium... All'interno dei toolkit desktop, non so se esistano strumenti così comodi. Certo, su GNU/Linux esiste xdotool, ma non credo proprio sia sviluppato per altri sistemi operativi (poi... È così comodo? Funzionerà con Wayland? È stato previsto un porting? Cosa succederà quando alcune distribuzioni sceglieranno MIR? Boh...).
2) In linea di massima, non devi stare lì ad operare una selezione troppo stringente sui widget. Imponi come requisito l'utilizzo di uno/due/tre browser moderni (che puoi testare, magari anche mediante Selenium) che supportino quello che richiedi.
3) Sicuramente più multipiattaforma di altro - anche per quanto riguarda i punti 1)  e 2) - .
4) Se riesci a gestire bene (e separare i vari compiti) tra Html+Css+Javascript (...), riesci anche a creare codice assai riutilizzabile. E in questo, i framework esistenti, agevolano molto il lavoro. Crearne uno da zero, non è uno scherzo anche da questo punto di vista: solo impostare una separazione di tutte le varie componenti (struttura, stile grafico, ecc.) richiede molto tempo e delle capacità non comuni. E, alla fine della fiera... Il gioco varrà la candela?

P.S.: in questo momento sto usando un broswer all'interno XWayland e l'esperienza utente è identica a quella di Xorg. Non è ancora lo stesso per quanto riguarda alcune GUI desktop.